• Educal – bullismo

    Gli elementi più rilevanti dell’iniziativa Educal sono la proficua ed entusiastica collaborazione tra Avvocati, Magistrati e Psicologi e la modalità con la quale si intende avvicinare gli studenti al mondo delle Istituzioni (in particolare all’amministrazione della giustizia) nella ferma convinzione che, per parteciparli ad una piena consapevolezza dei diritti/doveri della persona, i ragazzi si debbano sentire parte-attiva di un sistema in cui è necessario e opportuno che ciascuno compia il proprio dovere, anche denunciando fatti-reato che lo hanno coinvolto o di cui sia venuto a conoscenza.

    Guarda il video 
  • Educal – i cortometraggi

    Dopo gli interventi nelle scuole, i ragazzi realizzano dei cortometraggi che concorreranno nella selezione scuole di “Diritto al Corto – Festival Internazionale del Cortometraggio Socio-Giuridico” (organizzato dal Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli Studi “Roma Tre” in collaborazione con l’Associazione “Diritto al Corto” - www.dirittoalcorto.it).

    Guarda il video 
  • Educal – violenza contro le donne

    Violenza contro le donne, il video del processo simulato di Educal al liceo romano "Lucrezio Caro", ospite d'eccezione Lucia Annibali, protagonisti della simulazione gli studenti nei ruoli processuali di imputati, vittime, testimoni e giuria popolare, interessati e partecipi oltre ogni più rosea aspettativa. Un grazie particolare a RUFA, Fabio Mongelli, Gioacchino Gino D'Amico e Alessia Capuccini per la realizzazione del video!

    Guarda il video 
  • Il progetto Educal

    Il progetto formativo “Educazione alla cittadinanza attiva e alla legalità" si propone di offrire ai ragazzi degli strumenti di conoscenza finalizzati ad una gestione e determinazione consapevoli dei propri comportamenti e delle relative conseguenze ed agli adulti (Insegnanti e Dirigenti Scolastici) strumenti e supporto per intervenire, in un’ottica di prevenzione primaria, nella rilevazione precoce ed adeguata del rischio di illegalità commessa e/o subita dai ragazzi.

    Chi siamo 
Luigi Cancrini

Luigi Cancrini

Psichiatra e psicoterapeuta

Psichiatra e psicoterapeuta di formazione psicoanalitica e sistemica, Luigi Cancrini ha fondato negli anni Settanta il Centro Studi di Terapia Familiare e Relazionale, una delle più importanti scuole di Psicoterapia Relazionale italiane, riconosciuta dal MIUR, di cui è tuttora Presidente. La sua attività si è sviluppata inizialmente nel clima delle battaglie culturali contro l'emarginazione del diverso nelle scuole (le classi differenziali e speciali), nella psichiatria (gli ospedali psichiatrici), nel campo della dipendenza e dei comportamenti antisociali (il carcere). Di queste condizioni egli ha continuato ad occuparsi collegando le manifestazioni della diversità al disagio della persona e portando avanti un tentativo di allargamento dei confini tradizionali della pratica psicoterapeutica e un impegno continuo, a livello politico e divulgativo, per il riconoscimento della sua importanza. Dal 1989 al 1992 "Ministro del Governo Ombra per la lotta agli stupefacenti". Nel 2004 ha ricevuto dall'European Family Therapy Association (EFTA) a Berlino il premio per il suo contributo eccezionale nel campo della terapia familiare. Dal 1995 fino al Dicembre 2014 è stato direttore scientifico delle Comunità Terapeutiche di Saman, dal 1998 è Direttore scientifico del Centro di Aiuto al Bambino Maltrattato e alla Famiglia del Comune di Roma e dal 2009 delle Comunità per Minori Domus de Luna in Sardegna. È direttore responsabile della Rivista Scientifica Ecologia della Mente edita dal Pensiero Scientifico Editore e della collana (Bi)sogno di Psicoterapia della Alpes Italia. Dal 2006 al 2008, Deputato del Parlamento Italiano e Vicepresidente della Commissione Infanzia. E’ autore di lavori scientifici fra i quali Bambini diversi a scuola (1974), Quei temerari sulle macchine volanti (1982), Date parole al dolore con Stefania Rossini (1996), Lezioni di psicopatologia (1997), La luna nel pozzo (1999), La psicoterapia: grammatica e sintassi (2002), Il vaso di Pandora con C. La Rosa (2002), e Schiavo delle mie brame (2003), L’oceano borderline. Racconti di viaggio (2006), La Cura delle Infanzie Infelici (2013), Ascoltare i bambini (2017). Fin dai primi anni ’70 inoltre scrive sul quotidiano l’Unità per il quale dal 2002 all’ottobre 2008 ha curato anche la rubrica settimanale sui “Diritti negati” e dal 2009 al 2014 la rubrica quotidiana “Cara Unita” dedicata alla posta dei lettori.

Alessandro Cassiani

Alessandro Cassiani

Avvocato


Maria Teresa Spagnoletti

Maria Teresa Spagnoletti

Magistrato

Maria Teresa Spagnoletti è nata a Roma il 7 settembre 1952. Magistrato dal 1977. Dal dicembre 1981, dopo tre anni di pretore a Massa, in servizio presso il Tribunale per i Minorenni di Roma dove ha svolto diverse funzioni sia nel settore civile che nel settore penale. Negli ultimi anni ha svolto funzioni di Presidente del collegio dibattimentale penale e di Magistrato di Sorveglianza. Dal 9 marzo 2017 è in pensione, ma continua ad occuparmi del settore minorile con lezioni e corsi nonché a coltivare i suoi diversi interessi quali seguire una Casa Famiglia per ragazze in difficoltà a Grottaferrata, proseguire negli interventi in diverse occasioni di formazione per Capi nell’AGESCI (Associazione Guide e Scout Cattolici Italiani), partecipare al Consiglio Direttivo di Biblia (associazione laica di cultura biblica) e al CNDI (Consiglio nazionale donne italiane) federazione di associazioni femminili.

This template supports the sidebar's widgets. Add one or use Full Width layout.